Chianciano: inaugurate due nuove postazioni per la ricarica dei veicoli elettrici

43.052078
11.832156

La mia esperienza all’autosalone di Ginevra. Come arrivarci e cosa aspettarsi.

Fiat fa il grande passo decisivo! La kermesse elvetica si pone nuovamente al centro dell’atten

Cinisello, al progetto sport e legalità della Regione aderiscono gli studenti dell’istituto Eugenio Montale

La presentazione del campus in regione.

CINISELLO BALSAMOGli studenti dell’istituto Eugenio Montale di Cinisello Balsamo saranno presente al campus organizzato nella scuola della Guardia di Finanza per la formazione sportiva e la legalità tra i giovani, in collaborazione con la regione Lombardia. È stata presentata a Palazzo Lombardia la prima edizione del progetto regionale ‘Sport e Legalità – La Scuola in cattedra‘, promosso dalla Regione in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale per la Lombardia e con il Gruppo sportivo della Guardia di Finanza.

Il progetto prevede campus formativi per alcuni studenti lombardi che, oltre a praticare sport, parteciperanno a seminari e workshop su legalità, corretti stili di vita e rispetto per l’ambiente. Testimonial del progetto due grandi atleti lombardi: la campionessa di sci Sofia Goggia e il primatista italiano dei 100 metri Filippo Tortu, che hanno consegnato ai ragazzi l’invito al campus.

I lavori si sono aperti con il saluto del presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana, che ha voluto complimentarsi con Filippo Tortu e Sofia Goggia per i loro successi. Il presidente Fontana ha poi voluto ricordare “che anche nello sport, soprattutto fra i giovani, è necessario affermare il principio della legalità declinato in tutte le sue forme“.

Esistono margini per rafforzare il connubio tra scuola e sport – ha spiegato il sottosegretario ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi – un binomio che offre molte potenzialità per educare i giovani alla scelta verso uno stile di vita sano e alla consapevolezza di una positiva competizione. ‘Sport e legalità’ è anche una straordinaria occasione per individuare i propri talenti sportivi, sin da quando si è piccoli, per poterli coltivare anche da grandi e per parlare di legalità e di temi attuali come bullismo e cyber-bullismo“.

Si tratta di un percorso formativo di una settimana, rivolto ai ragazzi del biennio delle scuole superiori lombarde, che si concretizza in una settimana di campus presso le sedi delle Fiamme Gialle dove, alla pratica sportiva vengono affiancati insegnamenti sulla legalità. Regione Lombardia e Ufficio scolastico regionale per la Lombardia hanno selezionato, tra le classi che hanno aderito, quelle con particolari situazioni di disagio sociale nel corso del 2018 evidenziate dal comitato tecnico del progetto. A questa prima edizione hanno aderito nove classi lombarde; ne sono state selezionate tre, degli istituti ‘Alessandro Volta’ di Lodi, ‘Eugenio Montale’ di Cinisello Balsamo/MI e ‘Caterina Caniana’ di Bergamo.

Le settimane di attività sportiva si svolgeranno presso uno dei Nuclei Atleti del Centro sportivo della Guardia di Finanza. Dall’1 al 6 aprile, nella sede di Castelporziano (Roma), seguiti dal referente Giovanni Conti, parteciperanno gli studenti della seconda Iefp dell’Istituto superiore IIS ‘Alessandro Volta’ di Lodi. Nella settimana successiva, dall’8 al 13 aprile, saranno invece protagonisti i ragazzi della seconda dell’IIS ‘Montale’ di Cinisello Balsamo (MI) nella sede di Predazzo (TN), seguiti dal referente Gabriele Di Paolo, e, infine dal 6 all’ 11 maggio, a Sabaudia (LT), con Danilo Cassoni, parteciperanno al progetto i ragazzi della seconda del IIS ‘Caterina Caniana’ di Bergamo.

Gli studenti praticheranno attività sportive quali: atletica leggera, nuoto, scherma, tiro, judo, karatè, canoa, canottaggio, sci e vela. Sono, inoltre, previsti seminari sulla legalità e sui corretti stili di vita, lezioni sulla preparazione atletica, workshop sul rispetto dell’ambiente, dimostrazioni ed esercitazioni dei cani antidroga della sezione cinofila della Guardia di Finanza, dimostrazione del Soccorso alpino, incontri-dibattito con atleti e tecnici delle Fiamme Gialle, laboratorio di teatro, nonché visite guidate nei luoghi di interesse artistico e culturale limitrofi alla sede del campus.

A te…

A te che sei una parte importante della mia vita A te che sorreggi la mia vita A te che colori la mi

Cinisello, festival del cinema Assurdo nel centro civico il Pertini dal 27 aprile

   CINISELLO BALSAMO – Torna a Cinisello Balsamo L’Assurdo film festival, il festival internazionale del cinema ASSURDO, per la seconda edizione. A organizzarlo è Cinebaloss in collaborazione con L.A.S.; il festival ospiterà 20 pellicole di rilievo internazionale suddivise in due categorie: cortometraggi e lungometraggi, quest’ultima vera novità di questa edizione.

Oltre alla storica giuria del festival (che si occupa anche del Reale Film festival), ovvero  Mario Leclere (regista, direttore della fotografia e esperto di visual effect), Giuseppe Paternò di Raddusa (attore e critico), Paolo Casarolli (regista e sceneggiatore), Gianfranco Manenti, Luca Blini  si aggiunge anche il regista Luigi Di Felice, vincitore durante la scorsa edizione del premio come “Migliore film Assurdo”, che ora dovrà giudicare i lavori dei propri colleghi.

Saranno 20 le pellicole provenienti da tutto il mondo a essere proiettate. Oltre a una nutrita schiera di film italiani (circa la metà), molti dei quali vincitori di importanti premi in tutto il mondo, saranno presenti film provenienti dai più disparati continenti, dall’Asia, passando per Oceania e Americhe.

Continua quindi il lavoro per portare il grande cinema ai cinisellesi. E’ sempre vivo l’interesse per l’arte (bistrattata perlomeno in Italia) del cortometraggio, a cui dare la maggior parte delle energie e si spera con gli sforzi di poter aiutare a diventare un qualcosa che non sia solo una palestra per il cinema che conta, ma che possa veramente affermarsi come arte fruibile e apprezzata da tutti. Al contempo si vuol provare a dare spazio a quei lungometraggi che sono degni dell’attenzione di un mercato che sta mutando e, in una visione ottimistica, può dare maggior spazio a film che hanno grandi qualità ma delle oggettive difficoltà ad arrivare al pubblico direttamente.