291.

Tengo a una città democratica, orizzontale, in cui lo spazio sia comune a tutti e tutti si guardino in faccia, in cui i vernissage possano coesistere con i samosa. Questo spazio lo costruiamo quotidianamente tutti noi, con azioni e parole aperte.

I Commenti sono chiusi