A Chiusi il covegno internazionale Slow Food

La città di Chiusi ha preso parte al Terra Madre-Salone del Gusto di Torino. Durante questa quattro giorni all’insegna delle eccellenze enogastronomiche locali, il sindaco di Chiusi, in visita nella giornata di lunedì, ha stretto un accordo con il patron di Terra Madre, Carlo Petrini,  nonché fondatore di Slow Food. Oggetto dell’accordo, l’organizzazione, nel prossimo mese di giugno,  del convegno internazionale di Slow Food proprio nella Città di Chiusi.

Il Sindaco della Città di Chiusi Juri Bettollini ha commentato : “La nostra prima volta a Terra Madre è stata veramente un’esperienza incredibile. Gli odori, i colori e ovviamente i sapori ci hanno coinvolto in un turbinio di sensazioni uniche.  Siamo tornati a casa con tanta esperienza e con la rinnovata consapevolezza che il motto di Slow Food “Buono Pulito e Giusto” si sposa alla perfezione con la filosofia di promozione che abbiamo per la nostra città. Le eccellenze enogastronomiche e la ricchezza che la storia ci ha lasciato in eredità sono le leve che utilizzeremo per aprire le porte di Chiusi a tutto il mondo. E in questa missione partiremo proprio dal convegno internazionale di Slow Food che avremo l’onore di ospitare grazie alla disponibilità di Carlo Petrini, uomo lungimirante e illuminato che da tempo ha intuito l’importanza di preservare gli straordinari doni che la terra ci offre. Utilizzando le parole di Petrini “l’arroganza non paga mai” da Chiusi ci impegneremo a promuovere il nostro territorio in maniera ambiziosa, ma allo stesso tempo gentile e avendo rispetto e valorizzando le nostre peculiarità; insomma ci promuoveremo in modo Slow.”

“Un’occasione importante per promuovere il nostro territorio e le nostre eccellenze enogastronomiche – ha dichiarato il vicesindaco Chiara Lanari – una parola di ringraziamento non può che andare a tutti coloro che hanno lavorato in modo sinergico: i nostri produttori, la Proloco insieme al Tour operator, la comunità dell’olio di minuta di Chiusi, la locale, regionale e nazionale condotta Slow Food, la Dott.ssa Turchetti del polo Museale della Toscana, Museo Nazionale Etrusco di Chiusi e tutti i produttori. A Torino abbiamo raccontato la filosofia già nota al tempo degli Etruschi e dei cristiani, che vedeva il cibo ed il concetto di comunità come elementi chiave del benessere. Tutto questo a Chiusi esiste ancora oggi e siamo certi che il cibo e la storia siano gli elementi chiave per la valorizzazione e promozione sostenibile della nostra città e del territorio” .

43.015519
11.944775

I Commenti sono chiusi