Alcara Li Fusi. La visita del Prefetto Trotta.

cop

Nella giornata odierna, 01 Ottobre, S.E. il Prefetto di Messina, dott. Stefano Trotta, ha visitato Alcara Li Fusi, accompagnato dal viceprefetto dott.ssa Antonietta D’Aquino. All’incontro, tenutosi presso il Municipio, hanno preso parte il Sindaco, dott. Nicola Vaneria, accompagnato dalla Giunta nonché l’intero Consiglio Comunale guidato dal suo presidente Carlo Vitale.

Nel corso della riunione sono stati affrontati i temi più rilevanti per la vita politico-amministrativa della cittadina, dalla drastica riduzione dei trasferimenti regionali, alle condizioni della viabilità di accesso al centro abitato, dallo stato della locale stazione dei CC, alla possibilità di realizzazione di una elisuperficie di emergenza sanitaria.

aaa1

Affollata la sala consiliare di dipendenti comunali, cittadini e studenti dei locali istituti, dove il Prefetto si è successivamente intrattenuto con i rappresentanti istituzionali del Comune e con i ragazzi che, dopo aver intonato l’Inno di Mameli, hanno ascoltato le parole del dott. Trotta che ha ribadito il ruolo delle istituzioni sul territorio facendosi interprete delle esigenze del territorio e risposto ad alcune pertinenti domande da parte degli studenti presenti.

received_m_mid_1380639153809_a880787397fe923709_3

received_m_mid_1380639153809_a880787397fe923709_4

Il Sindaco Vaneria che ha illustrato gli aspetti più rilevanti della storia di Alcara e le sue bellezze naturalistico-ambientali, ha dichiarato “profonda gratitudine per la visita che S.E. il Prefetto ha voluto dedicare alla nostra comunità che giá in diverse altre occasioni emergenziali è stata oggetto di particolare attenzione da parte dell’intera struttura prefettizia. Ringrazio il dott. Trotta per quanto già fatto per risolvere alcuni problemi relativi alla viabilità provinciale e per le splendide parole di conforto che ha rivolto a noi giovani amministratori che ci troviamo a guidare la macchina amministrativa in questo storico momento di difficoltà economica-sociale”.

Alberto Visalli

I Commenti sono chiusi