Apocalisse nel 2019

Traduzione dal russo di Davide Spagnoli

Segnali molto inquietanti che la situazione a livello mondiale stia diventando sempre più “calda” certamente non sono sfuggiti ai lettori più attenti che non si accontentano della “narrazione”, modo elegante per non  usare il termine balle, dei mezzi di comunicazione di massa ufficiali, quelli che hanno dichiarato guerra alle “fake news”. Già.
Quando saremo per il 95% morti, sarà molto difficile fare il socialismo.
Pesano le parole di un uomo sempre attento ad essere equilibrato e abituato a soppesare anche le virgole come Putin:

“Qualsiasi aggressore dovrebbe sapere che la retribuzione sarà inevitabile e sarà distrutto. E poiché saremo le vittime della sua aggressione, andremo in paradiso come martiri. Cadranno semplicemente morti, non avranno nemmeno il tempo di pentirsi”. FONTE

E come contraltare un pensiero diffuso quasi da un militare USA su due come viene spiegato nel seguente articolo:

Apocalisse nel 2019: è possibile una guerra Russia-USA

I Commenti sono chiusi