Archivio Autore

Harvard sui vaccini

[fonte]

Harvard sui vaccini: i bambini non vaccinati presentano rischio zero

 

29 aprile 2017
Un immunologo di Harvard ha scritto una lettera aperta per spiegare il perché i bambini non vaccinati non rappresentano alcun rischio per le loro controparti vaccinate.

Riportiamo qui di seguito l’articolo pubblicato su Vaxxter.com:

Onorevole Legislatore:

Mi chiamo Tetyana Obukhanych. Ho un dottorato in immunologia. Scrivo questa lettera nella speranza che correggerà diversi pregiudizi comuni sui vaccini per aiutarLa a formulare una comprensione equa ed equilibrata, sostenuta dalla teoria dei vaccini accettata e dai più aggiornati risultati scientifici.

La domanda è:

 

I bambini non vaccinati costituiscono una minaccia maggiore per il pubblico rispetto ai vaccinati?

Spesso si afferma che coloro che scelgono di non vaccinare i propri figli per ragioni di coscienza mettono in pericolo il resto del pubblico, e questa è la ragione per la quale si legifera onde porre fine alle esenzioni sui vaccini attualmente considerate dai legislatori federali e statali a livello nazionale. Dovrebbe però essere consapevole che la natura della protezione offerta da molti vaccini moderni – e che include la maggior parte dei vaccini raccomandati dal CDC per i bambini – non è coerente con una tale affermazione. Ho sottolineato sotto i vaccini raccomandati che non possono impedire la trasmissione di malattie o perché non sono progettati per prevenire la trasmissione di infezione (piuttosto, sono destinati a prevenire i sintomi della malattia) o perché sono formulati per malattie non trasmissibili. Le persone che non hanno ricevuto i vaccinimenzionati qui sotto non costituiscono minacce più alte per il grande pubblico rispetto a coloro che hanno fatto il vaccino, e ciò significa che la discriminazione nei confronti dei bambini non immunizzati in un ambiente pubblico scolastico potrebbe non essere auspicabile.

POLIO - Lo IPV (vaccino Salk con poliovirus attenuato) non può impedire la trasmissione del poliovirus. Il poliovirus libero è scomparso negli USA da almeno due decenni. Anche se il poliovirus dovesse essere reimportato da qualche viaggiatore, il vaccino per la polio con IPV non può pregiudicare la sicurezza degli spazi pubblici. Si prega di notare che l’eradicazione del poliovirus è attribuita all’uso di un vaccino diverso, OPV o vaccino per via orale (Sabin NdT) del poliovirus. Nonostante sia in grado di prevenire la trasmissione di poliovirus, l’uso di OPV è stato gradualmente eliminato negli Stati Uniti e sostituito con IPV a causa di problemi di sicurezza.

TETANO – Il tetano non è una malattia contagiosa, bensì piuttosto acquisita da ferite profonde di punture contaminate da spore di Clostridium Tetani. La vaccinazione per il tetano (tramite il vaccino combinato DPT) non può alterare la sicurezza degli spazi pubblici; è destinato a dare  protezione personale solamente.
DIFTERITE - Mentre intende prevenire gli effetti causati dalla malattia della tossina della difterite, il vaccino contro la tossina difterica (incluso anche nel vaccino DPT) non è stato progettato per prevenire la colonizzazione e la trasmissione di Clostridium Diphtheriae. La vaccinazione per la difterite non può alterare la sicurezza degli spazi pubblici; è altresì previsto solo per la protezione personale.

PERTOSSE -  Il vaccino contro la pertosse acellulare (aP) (l’elemento finale del vaccino combinato DTaP o DPT), ora in uso negli Stati Uniti, ha sostituito il vaccino della pertosse a cellula intera alla fine degli anni ’90, seguito da una rinascita senza precedenti di tosse asinina. Un esperimento con l’infezione deliberata di pertosse nei primati ha rivelato che il vaccino aP non è in grado di prevenire la colonizzazione e la trasmissione di Bacillus Pertussis. La FDA ha emesso un avvertimento in merito a questa rilevanza fondamentale.
Inoltre, la riunione del consiglio dei consiglieri scientifici del CDC del 2013 ha rilevato ulteriori dati di allarme che le varianti di pertosse (ceppi negative PRN) attualmente in circolazione negli Stati Uniti hanno acquisito un vantaggio selettivo per infettare quelli che sono aggiornati per i loro booster DTaP, il che significa che le persone che sono aggiornate hanno maggiori probabilità di essere contagiate e quindi contagiose rispetto alle persone non vaccinate.

INFLUENZA - Tra i numerosi tipi di Orthomixovirida Influenzae, il vaccino Hib copre solo il tipo B. Nonostante la sua sola funzione, quella di ridurre il trasporto Hib a livello sintomatico e asintomatico, l’introduzione del vaccino Hib ha inavvertitamente spostato la dominanza del ceppo verso altri tipi di H. influenzae (tipi da a ad f). Questi tipi hanno causato una malattia invasiva alta severità e crescente incidenza negli adulti nell’era della vaccinazione Hib dei bambini. La popolazione generale è più vulnerabile alla malattia invasiva di quanto non fosse prima dell’inizio della campagna di vaccinazione Hib. La discriminazione nei confronti di bambini non vaccinati per Hib non ha alcun senso scientifico nell’epoca della malattia di tipo  H. influenzae di tipo non-B.

  EPATITE B -  L’epatite B è un virus ematico. Non si diffonde in un ambiente di comunità, in particolare tra i bambini che non sono impegnati a compiere comportamenti ad alto rischio, come la condivisione di aghi o il sesso. Il vaccinare bambini per l’epatite B non può alterare in modo significativo la sicurezza degli spazi pubblici. Inoltre, l’ammissione alla scuola non è proibita per i bambini che sono portatori di epatite B cronica. L’impedire l’ammissione scolastica per coloro che sono semplicemente non vaccinati – e nemmeno portatori dell’epatite B – costituirebbe discriminazione irragionevole ed illogica.

In sintesi, una persona che non è vaccinata con vaccini IPV, DPT, HepB e Hib a causa di obiezione di coscienza non pone alcun pericolo extra per il pubblico.Nessuna discriminazione è quindi giustificabile.

Quanto spesso accadono gravi eventi avversi da vaccino?


Spesso si afferma che la vaccinazione raramente porta a complicazioni gravi. Purtroppo questa affermazione non è supportata dalla scienza. Un recente studio fatto in Ontario, Canada, ha stabilito che la vaccinazione effettivamente porta a una visita di emergenza per 1 su 168 bambini dopo la loro vaccinazione dei 12 mesi, e per 1 su 730 bambini dopo il loro richiamo di vaccinazione dei 18 mesi.

Quando il rischio di un evento avverso che richiede una visita in Pronto Soccorso dopo vaccinazione sul bambino si è dimostrato così elevato, la vaccinazione deve per forza rimanere una scelta per i genitoriche possono comprensibilmente non essere disposti a assumere questo rischio immediato per proteggere i propri figli dalle malattie che sono generalmente considerate leggere o cui loro bambini potrebbero mai venire esposti.

Può esserci discriminazione contro le famiglie che si oppongono ai vaccini per motivi di coscienza, per impedire future epidemie di malattie virali trasmissibili, come il morbillo?

Gli scienziati impegnati nella ricerca hanno da tempo notato il “paradosso del morbillo”. Cito dall’articolo di Poland & Jacobson (1994) “Non riuscire a raggiungere l’obiettivo dell’eliminazione dei casi di morte: paradosso apparente delle infezioni con morte nelle persone immunizzate”. Arch Intern Med 154: 1815-1820:

“Il paradosso apparentemente è che quando i tassi di immunizzazione contro il morbillo aumentano a livelli elevati in una popolazione, il morbillo diventa una malattia che si presenta nelle persone immunizzate”.

Ulteriori ricerche hanno determinato che dietro il “paradosso morbillo” c’è una frazione della popolazione chiamata “basso responder al vaccino”. I pazienti con bassa risposta sono coloro che rispondono male alla prima dose del vaccino contro il morbillo. Questi individui poi montano una debole risposta immunitaria alla successiva vaccinazione e ritornano rapidamente al bacino dei  ”suscettibili” entro 2-5 anni, nonostante siano stati completamente vaccinati.

La re-vaccinazione non riesce a correggere una bassa reattività: sembra essere un tratto immuno-genetico. La percentuale di bambini con bassa risposta è stata stimata pari al 4,7% negli USA.

Studi di epidemie di morbillo in Quebec, Canada e in Cina attestano che i focolai di morbillo si verificano ancora, anche quando la conformità alla vaccinazione è nella massima fascia (95-97% o addirittura 99%). Ciò è dovuto al fatto che anche nei pazienti con risposta elevata al vaccino, gli anticorpi indotti dal vaccino sono diminuiti nel tempo. L’immunità del vaccino non è uguale all’immunità di vita acquisita dopo l’esposizione naturale a questa malattia.

E’ stato documentato che le persone pur vaccinate che sviluppano morbillo sono poi contagiose. Infatti, due focolai di morbillo importanti nel 2011 (in Quebec, Canada e New York, NY) sono stati reintrodotti da individui precedentemente vaccinati.

Considerati insieme, questi dati rendono evidente che l’eliminazione delle esenzioni vaccinali, attualmente solo utilizzata da una piccola percentuale di famiglie, non risolverà né il problema della rinascita delle malattie, né impedisce la reimportazione e l’esplosione di malattie precedentemente eliminate.



La discriminazione contro gli obbiettori di coscienza è l’unica soluzione pratica?

 

La maggior parte dei casi di morbillo negli ultimi episodi epidemici statunitensi (compreso il recente episodio di Disneyland) sono adulti molto giovani o neonati, mentre nell’epoca della pre vaccinazione il morbillo si è verificato principalmente tra i 1 ed i 15 anni. L’esposizione naturale al morbillo è stata seguita da un’immunità permanente dalla re-infezione, mentre l’immunità data dal  vaccino diminuisce nel tempo, lasciando gli adulti non protetti dai loro vaccini presi nell’infanzia. Il morbo è più pericoloso per i neonati e per gli adulti che per i bambini di età scolare.

Nonostante le elevate probabilità di esposizione nell’era pre-vaccinazione, il morbillo praticamente non è mai avvenuto nei bambini molto più giovani di un anno di età a causa del robusto meccanismo materno di trasferimento dell’immunità. La vulnerabilità dei neonati molto giovani al morbillo oggi è l’esito diretto della prolungata campagna di vaccinazione maschile del passato, durante il quale le loro madri, vaccinate nella loro infanzia, non erano in grado di provare naturalmente il morbillo in una scuola tutta immunizzata e stabilire a vita l’immunità che sarebbe stata trasferita anche ai loro bambini in modo da proteggerli dal morbillo per il primo anno di vita. Sfortunatamente, esiste un sostegno terapeutico di riserva per imitare l’immunità materna ora rovinata dalle vaccinazioni. I neonati, nonché altri individui vulnerabili oppure immuno-compromessi, sono idonei a ricevere immunoglobulina, una misura potenzialmente di emergenza che fornisce gli anticorpi diretti contro il virus per prevenire o mitigare la malattia dopo l’esposizione.

 

In sintesi:

1) a causa delle proprietà dei vaccini moderni, gli individui non vaccinati non presentano un rischio maggiore di trasmissione di poliomielite, difterite, pertosse e numerosi ceppi di tipo H. B. influenzae di tipo non bovino, gli individui non vaccinati non presentano praticamente alcun pericolo di trasmissione dell’epatite B in un ambiente scolastico, e il tetano non è affatto trasmissibile;

2) esiste un rischio significativamente elevato di visite in pronto soccorso dopo le programmate vaccinazione infantili, cosa che attesta che la vaccinazione non è priva di rischi;

3) i focolai di morbillo non possono essere interamente prevenuti anche se avevamo quasi perfetta conformità alla vaccinazione;

4) è disponibile un metodo efficace per prevenire il morbillo e altre malattie virali nei neonati non vaccinabili e gli immuno depressi, l’immunoglobulina, per coloro che possono essere esposti a queste malattie.

Questi quattro fattori chiariscono nel loro insieme che la discriminazione nelle scuole o asili pubblici nei confronti di bambini non vaccinati per obiezione di coscienza è completamente ingiustificata, poiché lo status di vaccino degli obiettori di coscienza non pone un rischio indebito per la salute pubblica.

Sinceramente,

Tetyana Obukhanych PhD

 

 

Nata in Ucraina, Tetyana Obukhanych è venuta negli Stati Uniti per perseguire la sua istruzione. Nel 2006 ha discusso il suo dottorato di ricerca. Tesi in immunologia all’Università  Rockefeller, New York, NY. Successivamente ha svolto stages  di formazione post-dottorale in laboratori di immunologia accademici affiliati alla Harvard Medical School e alla Stanford University School of Medicine. Nel 2015 diventa Direttore Fondatore di Consenso Informato, dedicato alla salvaguardia del consenso informato nella vaccinazione e nell’educazione del pubblico sulle malattie infettive e sul sistema immunitario.

 

Benché interessanti, le lettere sono troppe (137)per essere tutte tradotte, e variano dalle tipiche obiezioni stile CICAP di assai scarsa credibilità  alle difese dei pro-obiezione che variano in credibilità ma sono sovente ricche di citazioni di accademici che denunciano la completa prostituzione del sistema sanitario americano alle case farmaceutiche, per cui la loro evidenza scientifica sarebbe poco credibile. NdT

Brexit, May apre: più concessioni e diritti ai cittadini Ue. Ma c’è un problema – Repubblica.it

http://www.repubblica.it/esteri/2017/09/22/news/may_brexit_cittadini_ue_italiani_regno_unito_inghilt

Una bomba H: la risposta di Kim Jong-un a Trump

Arriva la risposta del leader Kim Jong-un alle forti minacce di Trump e assume le sembianze di una bomba all’idrogeno.

Leggi il resto di questo articolo »

attualita « WordPress.com Tag Feed 2017-09-22 21:17:57

Avocado, latte divino, amore