BANDA LARGA, MARTEDI’ ARRIVA IL PREMIER PAOLO GENTILONI A CAMPLI

Il premier Paolo Gentiloni torna in Abruzzo. Martedì prossimo sarà a Campli, la cittadina compresa nel cratere sismico che la Presidenza del Consiglio ha scelto come luogo simbolo per dare il via alla rivoluzione della banda ultra larga, il sistema più moderno e veloce di comunicazione telematica. Ad accogliere il premier ci saranno il governatore Luciano D’Alfonso, gli assessori, il presidente del Consiglio regionale, Giuseppe Di Pangrazio e naturalmente gli amministratori della città farnese. La banda larga e ultralarga fanno parte di un progetto che interessa l’intero Abrzzo, cioè tutti i 305 comuni, e prevede una spesa complessiva di 133 milioni di euro. Finanziamenti che la Regione attinge attraverso diversi canali: si va dai fondi Psr-Feasr 2007-2013 (25 milioni di euro), ai Par-Fsc 2007-2013 (9,6 milioni euro), a cui si aggiungono i fondi Por-Fesr 2014-2020 per 19 milioni, i Psr-Feasr 2014-2020 per altri 10 milioni e infine la delibera Cipe 65/2015 che garantisce la fetta più consistente di finanziamenti pari a 70 milioni di euro. I chilometri di infrastruttura per la banda ultra larga già realizzati dalla Regione Abruzzo sono 740, mentre altri 344 sono in fase di realizzazione e 128 quelli già pianificati. Per quanto riguarda gli aspetti tecnici, gli obiettivi della Regione entro il 2020 sono quelli di raggiungere una copertura Internet del cento per cento con una velocità di 30 megabit al secondo assicurando peraltro una velocità del servizio nel 50 per cento dei casi a 100 Mbit/s. Per ciò che concerne la mappatura e l’aggiornamento della rete, queste sono state affidate a Infratel Italia dal Ministero dello Sviluppo Economico. Le aree che avranno la priorità sono quelle dell’Abruzzo interno con i centri che rientrano nel cratere del terremoto privilegiati rispetto agli altri. Ed è questo il motivo che ha spinto il premier Gentiloni a dare il via alla grande operazione abruzzese delle fibre ottiche partendo da Campli.

I Commenti sono chiusi