BI24_FLASH_il caso “Atap Gold”/1. Fratelli d’Italia: “Una società, che serve ad una cosa sola: pagare dirigenti che non lavorano…”

biella-atap-flash-mob-fdi-biella24-001

Il mitico Woody Allen ed uno dei suoi film più belli: Fratelli d’Italia, per protestare contro gli sprechi di Atap, che in una notte, senza dire nulla a nessuno, ha creato “Gold”, una ditta che in oltre un anno di attività, l’unica cosa che ha fatto, è… pagare i dirigenti per non fare nulla, ha scelto – senza alcun dubbio – il film “Prendi i soldi e scappa” del 1969.
La versione biellese, ovviamente, è più facilona: “Prendi l’emolumento e scappa”. Perché anche per rubare ci vuole olio di gomito e dalle nostre parti, soprattutto a sinistra, di questo
“strano” prodotto della fatica umana, ci sono scorte molto limitate. Il flash mob, è stato a quel punto semplice: decine di locandine del film, con l’opportuna correzione, contro uno schifo, che nella situazione in cui versa il Biellese, diventa uno schifo ancora più grande e vergognoso.
Pensate un po’, cari biellesi: dal giorno della sua creazione, “Atap Gold” ha affittato un paio di pullman, per portare qualche decina di persone a Milano per Expo 2015. Incasso: dire 3000 euro, è già essere ottimisti… In compenso però, la ditta, negli stessi mesi, ha sempre e comunque pagato i dirigenti, in maniera lauta e puntuale, visto che sui 37.000 euro annui (!!!!!) che dovrebbero percepire, se ne sono già portati a casa 26.000 (!!!!!). E senza fare – scusate il francesismo – un bel cazzo di niente.
“Questa società – spiega Andrea Delmastro – per ora ha solo pagato gli emolumenti ai revisori ed agli amministratori, fra cui figura la collega di studio, del Presidente della Provincia, Emanuele Ramella Pralungo. E’ scandaloso che si costituiscano società con soldi pubblici, che non raggiungono altri scopi, se non quelli di pagare gli emolumenti. Dopo un anno di fallimento, chiediamo al Sindaco Cavicchioli di intervenire per chiudere la società in questione”.
E il brutto film “Prendi l’emolumento e scappa”, realizzato da “Provincia di Biella Production”, come in quello di Woody Allen, ha momenti in cui non si può, non scompisciarsi dalle risate: dopo il flash mob, la delegazione di Fratelli d’Italia, ha infatti chiesto di essere ricevuta da un dirigente di “Gold”, ma un dipendente di Atap, ha subito chiarito: “non è prevista la presenza di nessuno”.
Ebbene sì: ci sono biellesi che, in barba ai 24.000 disoccupati del Territorio, se ne stanno a casa, non lavorano, ma prendono i “dindi” ogni mese. E non pochi…
Dissolvenza. Titoli di coda… (speriamo).

I Commenti sono chiusi