BI24_FLASH_LA QUESTIONE. Livia Caldesi, Fdi: “Quella esercitazione della Protezione civile, senza sindaco, vice e assessore…”

protezione-civile-generica-biella24

_Livia Caldesi (consigliere comunale Fratelli d’Italia)
Nei giorni scorsi si è svolta la prima esercitazione provinciale di protezione civile denominata “Chiavazza 2018”. Questa esercitazione è stata organizzata dal Comune di Biella in accordo con la Cri. L’esercitazione in questione è stata la prima sul nostro territorio che ha visto il coinvolgimento di tutte le principali strutture operative come Protezione Civile, quali Croce Rossa, Servizio 118, Protezione Civile Comunale, Coordinamento provinciale Protezione Civile, Soccorso Alpino e Speleologico, Raggruppamento Nazionale Radiocomunicazioni Emergenza, Volontari Antincendi boschivi.
In totale hanno operato circa 200 volontari con mezzi mobili, tende ed apparecchiature varie, oltre a parecchi cittadini che hanno raccolto l’invito a partecipare come parte attiva nella simulazione. Questa esercitazione è stata un’iniziativa sicuramente meritoria in quanto dedicata alla “Prevenzione” considerata dalla Presidenza del Consiglio da anni una delle iniziative fondamentali per attività di Protezione Civile.
Prevenzione che vede il coinvolgimento sul territorio delle Amministrazioni Comunali e di tutte le risorse presenti come riportato nel D.L. n°1 del 2018 “Codice della Protezione Civile ” in cui vengono indicate le linee guida operative. Peccato che a Biella l’Amministrazione Comunale o non ha letto il D.L. sopra riportato o ha deciso di ignorarlo
; infatti durante l’intera esercitazione non hanno ritenuto di partecipare né il Sindaco né il Vice Sindaco né l’Assessore competente.
Queste assenze sono sicuramente illuminanti per comprendere l’interesse e la sensibilità di questa Amministrazione per un problema vivo e purtroppo ben noto del nostro territorio. Da notare che a tale esercitazione hanno partecipato come visitatori anche ospiti stranieri provenienti dalla Croazia ed una troupe cinematografica venuta appositamente per riprendere le attività di soccorso in situazione emergenziale per un lungometraggio in preparazione.
Considerando che le strutture coinvolte ed in particolare i volontari operano a titolo completamente gratuito e dedicano tempo e professionalità al servizio della comunità l’assenza dellAmministrazione Cittadina risulta davvero cosa inaccettabile.

I Commenti sono chiusi