Cinisello, parte il progetto “busta rossa” in casa degli anziani soli per essere aiutati dai volontari. Interessati oltre 2.500 persone

Foto archivio

   CINISELLO BALSAMO – La busta rossa, il nuovo servizio di aiuto per gli anziani soli, arriva anche a Cinisello Balsamo. Il Comune ha deciso di aderire all’iniziativa che rientra nel progetto “Cittadini più Coinvolti & più Sicuri”, avviato nel 2012 nella Città di Milano in collaborazione con l’Associazione MAVI, Medici Volontari Italiani e il patrocinio dell’AREU, Azienda Regionale Emergenza Urgenza. In particolare, si tratta di un progetto sperimentale di vicinanza rivolto alle persone anziane che vivono in casa da sole e che coinvolge sia operatori dei servizi socio-sanitari che volontari.

Obiettivo del progetto è quello di garantire alle persone più fragili un’adeguata permanenza a domicilio, dotandoli di strumenti salvavita utili ai soccorritori. Gli strumenti sono molteplici dalla Busta rossa, presente e accessibile a casa dell’anziano, alla carta d’identità salvavita, sia cartacea che via app. A Cinisello Balsamo il servizio partirà il prossimo settembre, in questo mese i volontari seguiranno un corso di formazione.

Nella nostra città sono 2.800 gli anziani ultra 75enni che vivono soli. Questa condizione è spesso aggravata da situazioni, quali scarse relazioni interpersonali e solitudine, che contribuiscono a danneggiare la loro salute psicofisica e a rendere necessari significativi interventi da parte dei servizi. Nasce perciò la necessità di interventi flessibili e personalizzati, a favore della domiciliarità e dello sviluppo di nuove metodologie di prevenzione e di coinvolgimento finalizzate a limitare l’esclusione sociale.

In cosa consiste quindi la busta rossa? La Busta diventa un riferimento per l’anziano solo e conterrà perciò tutti gli strumenti, quali numeri di telefono e dati medico-sanitari, utili a facilitare chiunque sia chiamato ad intervenire in caso di emergenza. Diverse le figure attive sia sul versante sociale, ovvero associazioni e soggetti del terzo settore che intercettano la popolazione anziana, che su quello socio-sanitario, in collaborazione con la rete dei MMG degli anziani, a cui viene richiesta la disponibilità a compilare la scheda sanitaria che confluisce nei dati registrati sulla tessera salva vita.

“La sicurezza e il benessere degli anziani rappresentano un obiettivo importante per la nostra Amministrazione, abbiamo predisposto un programma intenso di attività all’interno della manifestazione Estate Anziani in collaborazione con enti e associazioni del territorio. Il progetto Busta Rossa ci permetterà di monitorare le situazioni di fragilità e di rispondere ai bisogni con tempestività’” ha dichiarato Gianfranca Duca, assessore alle Politiche Sociali.

Il Progetto, avviato dal Comune di Milano, ha avuto diversi riconoscimenti sia a livello nazionale che regionale. Il Comune di Cinisello Balsamo attuerà il progetto in collaborazione con diverse associazioni del territorio: Centri anziani Bauer, Costa e Friuli, Fondazione Auprema (UNIABITA), Decanato Caritas, Consorzio residenze del Sole Soc. Coop. Auser, Anteas, Il Torpedone, Fondazione Martinelli, ASST Nord Milano e AMF. Rimane comunque aperta la possibilità di partecipare ad altri soggetti che lo richiedono. L’avvio della sperimentazione è prevista per dicembre 2017, dopo un periodo organizzativo di costituzione del gruppo operativo, predisposizione della modulistica e definizione di destinatari e volontari coinvolti.

I Commenti sono chiusi