Clap and jump nostrano

 In America lo chiamano Clap and jump. Si tratta della consuetudine, diffusa nelle scuole d’oltreoceano, di omaggiare con esibizioni, soprattutto canore, le visite degli ospiti illustri. Ma se nel singolare continente a stelle e strisce, dove ogni occasione è propizia per sventolare con orgoglio il proprio entusiastico patriottismo, nessuno si sorprende per questi originali spettacoli, le cose, invece, non possono che andare diversamente sul suolo italico.

Proprio ieri, dopo la recente visita in una scuola trevigiana, Matteo Renzi si è infatti recato presso la scuola elementare Raiti di Siracusa, e i suoi piccoli alunni sono stati felici di potersi esibire in una canzone in onore del novello Presidente del Consiglio. Ora, sarà che noi gente del Belpaese non possediamo quella faccia tosta e quell’innata sicurezza che contraddistingue i nostri cugini americani, o che, semplicemente, non riusciamo fino in fondo a prenderci pienamente sul serio, fatto sta che questa moda, importata in Italia, diventa qualcosa di buffo e finisce per assumere il vago sapore di una macchietta. Tra i quotidiani nazionali qualcuno ha addirittura dedicato all’episodio la prima pagina, come Libero, che titola: “I Balilla di Renzi”, con chiaro riferimento all’epoca fascista. Alessandra Mussolini, da parte sua, intervenendo oggi a L’aria che tira, commenta dicendo che – gli piacerebbe – a Renzi, potersi paragonare al duce. Per finire, non poteva certamente esimirsi da un commento anche il creatore del M5S, che intervenendo sul suo blog non manca di tracciare un parallelo fra il teatrino siracusano e i Figli della Lupa mussoliniani.

A parere di chi scrive, sembra comunque che Grillo possa temere la capacitá del premier di intercettare, grazie alle sue capacità comunicative, i voti di una parte del suo elettorato. E come ci ha ormai abituati, dunque, passa all’attacco. Anche se in questo caso, giusto per restare in ambito zoologico, verrebbe da commentare: il bue che dice cornuto all’asino.

Fabio Lombardo

I Commenti sono chiusi