Colpevoli, innocenti e… prescritti.

Quando Andreotti uscì pulito dal processo che lo vedeva imputato per mafia, non era perché non fosse

I Commenti sono chiusi