È di Maddaloni il primo parcheggiatore abusivo a regola

Peccato che essere a norma sia contro la legge dell’ordine…

Breve storia triste: parcheggiatore abusivo maddalonese, con tutte le carte a posto, dopo aver studiato per anni e aver investito fior di quattrini in un costoso percorso formativo, riesce finalmente a conseguire la tanto sospirata abilitazione al fine di esercitare la professione dei sogni.  Il presidente dell’Ordine dei Parcheggiatori Abusivi, dopo la stretta di mano, ha dischiuso l’albo e ha inscritto il suo nome a lettere d’oro. Giovanni Perbene, allegro e soddisfatto, è tornato di corsa a casa con la svolazzante abilitazione tra le dita. La famiglia si è stretta intorno a lui in un abbraccio. Il giorno dopo, una raccomandata lo ha informato di essere stato radiato dall’albo su impulso ampiamente condiviso dai colleghi.

Agghiacciante la motivazione:

“Lei è la rovina della nostra professione, signor Perbene. Non si rende conto che, con il suo cercare a tutti i costi di fare le cose per bene, stia in realtà remando contro consuetudini secolari che per l’ordine hanno un valore superiore a quello della legge. Pertanto, mi vedo costretto a cancellare con la gomma il suo nome dall’albo e ad informarla che l’unico requisito per superare l’esame è non presentarsi. Buona vita”.

 

I Commenti sono chiusi