E tu usa la bici

Qualcuno ricorderà lo slogan canticchiato di una vecchia pubblicità di pasticche balsamiche che verteva sul gioco di parole tra il brand e i polmoni. Faceva così: “Respiriamo a pieni Pulmoll!”. Pieni di cosa? Per una strana, curiosa combinazione, se scindiamo le due sillabe, le loro iniziali sono P e M. Aggiungete un 10 e … voilà: ecco di cosa sono pieni i miei/nostri polmoni.

Il limite di legge per gli sforamenti di Pm10 (50 microgrammi/mc/giorno) è di 35 in un anno.

A Parma, è noto, vi sono due centraline: Montebello e Cittadella. Questi sono stati gli sforamenti/mese di ciascuna centralina nell’anno 2013: dic (citt 12-mb 23), nov (citt 6-mb 11), ott (citt 3-mb 10), sett (mb 2), mag (citt 2-mb 3), apr (mb 2), mar (citt 2-mb 4), feb (citt 9-mb 9), gen (citt 6-mb 16). Va da sé che i mesi critici sono quelli autunno-invernali appesantiti da fenomeni nebbiosi che negli ultimi due mesi del 2013 sono stati piuttosto frequenti (e meno male che il freddo non ha morso così che gli impianti di riscaldamento non hanno spinto al massimo). Il dato totale porta a 40 sforamenti in Cittadella, 80 in Montebello (il paese di Colorno si salva, 31, Langhirano fa invidia, 5). Un dato abbastanza inquietante.

Il report annuale di Arpa Emilia-Romagna segnala la “criticità di questo inquinante” sia per il 2011 che per il 2012. Quello del 2013 verrà stilato fra qualche mese ma credo che tale segnalazione figurerà ancora. Il dato, come detto, è significativamente legato agli eventi climatici.

Facciamo un po’ di raffronti fra gli ultimi tre mesi dell’anno (quelli più sensibili insieme a gennaio e febbraio) degli ultimi tre anni.

Sforamenti ottobre. 2013: citt 3-mb 10, 2012: citt 7 – mb 9, 2011: citt 7 – mb 12

Sforamenti novembre. 2013: citt 6-mb 11, 2012: citt 10-mb 16, 2011: citt 16 – mb 22

Sforamenti dicembre. 2013: citt 12-mb 23, 2012: citt 8-mb 17, 2011: citt 14 – mb 25

A ottobre non è cambiato granché se non un leggero miglioramento quest’anno alla Cittadella; continuo miglioramento nel mese di novembre mentre a dicembre, dopo il miglioramento dello scorso anno, siamo tornati sui livelli del 2011.

Dato annuale degli sforamenti (con raffronto ai rilievi delle centraline di alcune province vicine degli ultimi due anni). Se per la zona “fondo” (ovvero parco, il primo dato) non vi sono sostanziali differenze, ciò che colpisce è il divario, a sfavore di Parma, della zona “traffico”.

2013: citt 40, mb 80 (Reggio E. 26-56, Piacenza 40-43, Modena 37-51)

2012: citt 70, mb 115 (ReggioE. 60-93, Piacenza 61-71, Modena 67-85)

2011: citt 61, mb 93

2010: citt 52, mb 61

2008: citt 41, mb 76 (Reggio E. 55-109, Piacenza 77-86, Modena 92-113)

Per l’anno appena concluso, quindi, deciso miglioramento complessivo rispetto al 2012, discreto rispetto al 2011, mentre Montebello è peggiorata rispetto al 2010. Siamo ai livelli complessivi del 2008, noi. Positivo? Relativamente. I raffronti con i vicini potete farli da soli. Anche voi governanti locali.

Considerazione a margine: da anni siamo in presenza del blocco del traffico da ottobre a marzo all’interno dell’anello delle tangenziali per i veicoli pre-Euro, se benzina, o Euro1/2/3, se diesel a seconda che montino o meno il filtro antiparticolato; detto parco macchine è, ormai, solo in minima parte oggetto di tale limitazione.

Provocazione: i miglioramenti sono merito di detta normativa o anche della crisi?

Chiosa conclusiva: e tu usa la bici …

(fonte, Arpa ER)

I Commenti sono chiusi