GIULIANOVA / LA CGIL: «PERCHE’ NESSUNO SI ASSUME LA RESPONSABILITA’ POLITICA DELLE SCELTE?»

Presa di posizione della Cgil sulle scelte del Comune di Giulianova

 

Crediamo che i cittadini giuliesi non sanno che tra qualche giorno a gestire il sistema dei servizi sociali del proprio comune e gli asili nido,  non sarà più né l’Ambito Sociale Tordino, né il comune di Giulianova, ma per una scelta politica, legittima, sarà un nuovo ente: L’Unione dei Comuni Terre del sole. Un nuovo ente nato appositamente per la gestione associata tra diversi comuni di questi servizi, che ha tutte le prerogative di un ente locale, quindi pubblico.

Durante un incontro tra amministrazione e dipendenti impegnati sui servizi che dovrà gestire l’Unione,

l’amministrazione Mastromauro ha affermato: La decisione di far nascere l’Unione risponde ad un obbligo di legge. FALSO: i comuni aderenti all’unione hanno deciso, ribadiamo legittimamente, di costituire l’unione dei comuni e di affidargli la gestione del sociale, dei servizi educativi e gli asili nido, ma questa decisione non risponde a nessun obbligo di legge.

L’amministrazione Mastromauro ha affermato:  il personale del Comune che lavora su questi servizi deve essere trasferito all’Unione. FALSO: lo statuto dell’unione e la convenzione per il conferimento dei servizi all’unione, approvati in consiglio comunale, prevedono altre tipologie contrattuali, quale per esempio il comando,  perché i dipendenti possano continuare a lavorare su quei servizi e restare nella dotazione organica del Comune di Giulianova, ipotesi quest’ultima che dà maggiori garanzie alle lavoratrici e ai lavoratori.

Pertanto l’amministrazione sta operando scelte legittime che però non sono dettate da obblighi di legge, come sostengono gli amministratori, ma da scelte politiche consapevoli delle quali nessuno sembra volersi assumere la paternità nascondendosi dietro ad inesistenti obblighi di legge.

La Fp CGIL chiede, come ha già fatto con una nota del 14 novembre u.s. di avviare tempestivamente le corrette relazioni sindacali per sostenere, nelle opportune sedi,  la possibilità di assegnare il personale al nuovo ente in comando e non di procedere al trasferimento dello stesso, coerentemente con quanto previsto dallo statuto dell’Unione e dalla delibera di  conferimento dei servizi a tutela dei servizi ai cittadini e a tutela delle lavoratrici e lavoratori del Comune di Giulianova e dell’Ambito Sociale Tordino.

Il Segretario della FP CGIL Teramo

Pancrazio Cordone

I Commenti sono chiusi