I SINDACI DEI TERRITORI SUL FIUME VOMANO TEMONO IL PERICOLO DELLA DIGA DI CAMPOTOSTO

Le acque della diga di Campotosto sono, soprattutto alimentate dal canale di gronda orientale che raccoglie le acque dei Comuni di Acquasanta, di Valle Castellana, di Rocca S. Maria, di Cortino e di Crognaleto.
La maggior parte delle acque alimentavano il fiume Castellano ed il fiume Tordino.
Per eliminare i rischi del Lago di Campotosto sui territori dei Comuni sul fiume Vomano, basterebbe ripristinare il deflusso naturale e storico delle acque dei Monti Della Laga e ripristinare la naturalezza originaria del territorio dei Comuni dove scorrono i fiumi Castellano, Vomano e Tordino.
Per eliminare i pericoli, la diga di Campotosto potrebbe essere rimossa e recuperata come esteso e turistico altipiano montano.
Anche i rappresentanti del WWF della Provincia di Teramo, probabilmente, vorrebbero il recupero della naturalezza storica del nostro territorio.
Faccio questa sciocca proposta solo perché nella riunione dei Comuni con il territorio sul Fiume Vomano, non possono essere dimenticati e trascurati i territori degli altri Comuni, che alimentano la Diga di Campotosto con le acque tolte ai loro fiumi Tordino e Castellano.

Goffredo Rotili

I Commenti sono chiusi