I Sindaci di Grisolia, Maierà e Verbicaro: “Dalla Sorical accuse false”

Tirreno cosentino – “Dalla Sorical accuse false e inqualificabili”. Così i sindaci di Grisolia, Maierà e Verbicaro, dopo le attenzioni di ieri dell’ente pubblico sugli sprechi di questi tre comuni nella gestione dell’erogazione dell’acqua. “Come al solito nella nostra Regione – scrivono i tre sindaci nella nota – anziché aprire un tavolo tecnico di concertazione per analizzare a fondo le problematiche sulla carenza idrica nei nostri territori , la Sorical è così brava per il tramite dei loro rappresentanti, a scaricare le proprie responsabilità nei confronti dei comuni di Grisolia Maiera e Verbicaro. In una nota diramata in queste ore, infatti, dall’azienda sostengono che i comuni di Grisolia, Maierà e Verbicaro vanificano gli sforzi dei loro funzionari effettuando, a loro dire, manovre errate che causano la crisi idrica che stiamo affrontando”. Una affermazione per i tre sindaci “pretestuosa falsa e senza alcun fondamento.
 Secondo i tre rappresentanti dei comuni una società a prevalente capitale pubblico “non può permettersi di denigrare l’operato di amministrazioni comunali che sono state sempre rispettose dei propri ruoli e delle proprie competenze, evitando di effettuare pressioni e di puntare il dito contro i reali responsabili di questa situazione. Ma adesso, ci tocca fare chiarezza perché non possiamo accettare un attacco gratuito ed ingiustificato.
La responsabilità dell’attuale crisi idrica è da imputare esclusivamente alla Sorical. Le manovre errate dei tecnici comunali di cui ci accusano sono state eseguite sempre in costante presenza di funzionari Sorical che le supervisionavano e spesso le suggerivano. Teniamo anche a precisare che i comandi dei serbatoi di proprietà della Sorical possono essere gestiti solo dai suoi operai e i tecnici comunali hanno agito solo ed esclusivamente su serbatoi comunali. A Grisolia il serbatoio comunale era perennemente vuoto perché la Sorical anziché dividere la portata di 12 litri al secondo in maniera perfettamente equa (6 l/s sul serbatoio comunale e 6 l/s sul serbatoio SORICAL) mandava 10 litri al secondo sul proprio serbatoio e lasciava solo 2 litri al secondo sul serbatoio comunale. Tale stortura ed inefficienza è stata corretta nel momento in cui ,alla presenza del Sindaco di Grisolia i serbatoi ed insieme all’Ufficio Tecnico , i dipendenti Sorical hanno, con cronometro in mano e dopo varie manovre fatte dalla stessa Sorical sul serbatoio di loro competenza, riportato la fornitura sul serbatoio comunale da 2 litri a 6 litri al secondo.
Da quel momento il problema è stato risolto.
In tale contesto mentre il serbatoio comunale si svuotava e non si riempiva più perché l’afflusso di acqua era insufficiente, quello della Sorical si riempiva e raggiungeva il “troppo pieno” nelle ore notturne versando l’acqua negli scarichi e dunque sprecandola! Quanto sopra viene affermato anche nell’irresponsabile comunicato stampa che hanno diramato ammettendo che a raggiungere il troppo pieno era il serbatoio regionale al quale i tecnici comunali non hanno alcun accesso. Di chi è dunque la responsabilità?”. 
A conclusione i sindaci di Maierà, Grisolia e Verbicaro chiedono con forza che la Sorical convochi con estrema urgenza una riunione, nella quale si mettono sul tavolo i problemi veri di questo sistema idrico che fa acqua da tutte le parti… con la speranza che Il Presidente Oliverio acceleri il processo avviato con la legge regionale 18 del 2017 al fine di programmare tutti gli investimenti necessari per rendere efficiente il sistema idrico sui nostri territori per evitare i problemi che si sono vissuti e che stiamo vivendo in questo periodo di siccità.

I Commenti sono chiusi