La Regione stanzia 10 milioni per comprare pullman muovi ad impatto zero

    SESTO SAN GIOVANNIQualche bus nuovo ad impatto emissioni zero lo vedremo anche sulle linee di trasporto dell’agenzia di Milano che interessa il bacino di Sesto-Monza. La Regione ha stanziato quasi 20 milioni per comprare 145 nuovi bus, di cui 10 milioni destinati all’Agenzia di Milano, di cui Sesto fa parte.

Esattamente uno stanziamento di oltre 18,7 milioni di euro, per cofinanziare l’acquisto di circa 145 nuovi autobus da destinare al trasporto pubblico locale. E’ quanto prevede una delibera approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore alle Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi. “Una decisione importante – ha commentato il presidente Fontana – perché oltre a contribuire a migliorare la qualità del nostro servizio di trasporto pubblico, contribuirà ad abbassare il livello di inquinamento grazie a mezzi nuovi e tecnologicamente avanzati”.

Si tratta di un investimento importante – ha spiegato Terzi – che consentirà di aumentare i parametri di efficienza e qualità della flotta significa rendere più interessante l’offerta del Tpl lombardo, spingendo un numero sempre maggiore di cittadini a scegliere l’autobus per gli spostamenti quotidiani lasciando l’auto in garage, con ricadute positive, come sottolineato dal presidente Fontana, in termini di diminuzione del traffico e dell’inquinamento. Da questo punto di vista, l’atto approvato oggi rientra tra le misure per la prevenzione e la riduzione delle emissioni inquinanti previste nel Piano regionale degli interventi per la qualità dell’aria (Pria): i nuovi veicoli saranno a basso impatto ambientale”. I fondi derivano dall’ultimo riparto nazionale per le annualità 2017-2019.

 “La delibera – ha aggiunto Terzi – prescrive per i nuovi autobus una serie di equipaggiamenti obbligatori volti a tutelare le persone diversamente abili e le famiglie con bambini piccoli. Ogni mezzo, oltre alla postazione riservata ai disabili, dovrà contemplare strumenti idonei ad agevolarne l’accessibilità come una pedana manuale per l’incarrozzamento ed o un elevatore per carrozzelle”.

Grande attenzione anche per il capitolo sicurezza. Gli autobus dovranno obbligatoriamente essere predisposti per la videosorveglianza a tutela dei passeggeri e del personale viaggiante, per il conteggio dei passeggeri in salita e in discesa e per il rilevamento della posizione durante la corsa, oltre che del cablaggio per l’installazione di modem/router wi-fi in modo da consentire ai cittadini di navigare in rete agevolmente durante il viaggio.

I Commenti sono chiusi