Licenza di uccidere? No! Licenza poetica!

Buongiorno o buonasera , sono tornato. Non so cosa scrivere dopo quello che è accaduto e sta accadendo. Siamo ormai a primavera ma gli eventi invernali fanno si che questa stagione accompagnerà la nostra nazione ancora per tanti, tanti, mesi.
Potrei parlare di Grillo e Monti, di Quirinale e consultazioni ma preferisco affidare a due grandi poeti romani , il Belli e Trilussa la mia semplice e triste considerazione, nulla cambia , specie in politica , tutto si trasforma, ma resta e resterà uguale.

Li soprani der monno vecchio
C’era una volta un Re cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli st’editto:
- Io so’ io, e vvoi nun zete un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pozzo vénneve a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà, nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o dd’Imperatore,
quello nun pò avé mmai vosce in capitolo -.

Co st’editto annò er boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e, arisposero tutti: E’ vvero, è vvero.
(Giuseppe Gioacchino Belli)

La politica
Ner modo de pensà c’è un gran divario:
mi’ padre è democratico cristiano,
e, siccome è impiegato ar Vaticano,
tutte le sere recita er rosario;

de tre fratelli, Giggi ch’è er più anziano
è socialista rivoluzzionario;
io invece so’ monarchico, ar contrario
de Ludovico ch’è repubblicano.

Prima de cena liticamo spesso
pe’ via de ’sti princìpi benedetti:
chi vo’ qua, chi vo’ là… Pare un congresso!

Famo l’ira de Dio! Ma appena mamma
ce dice che so’ cotti li spaghetti
semo tutti d’accordo ner programma.
(Trilussa)

20130320-170254.jpg

20130320-170352.jpg

I Commenti sono chiusi