Falso profilo Facebook ridicolizza il sindaco di Torre del Greco: Giovanni Palomba presenta denuncia.

Saranno le indagini della Polizia ad accertare chi ha aperto e pubblicato un falso “profilo istituzionale” del sindaco di Torre del Greco, Giovanni Palomba, su Facebook. Una pagina che potrebbe essere stata creata con lo scopo di sbeffeggiare il primo cittadino. Nelle informazioni, infatti, gli autori spiegano che l’intestatario del profilo sarebbe il “personaggio di un film comico”.

falso palomba

Nei post, fasulli, si “gioca”, invece, sull’intervista che Palomba ha rilasciato il mese scorso alla trasmissione delle Iene e si ironizza sulla battuta, mal digerita dai torresi, relativa agli Eco Punti che sarebbero “troppo pieni perché i torresi mangiano troppo”. Infine, gli autori della pagina-bluff, pubblicando foto di situazioni critiche per la città, ridicolizzano alcune iniziative riportando dichiarazioni completamente inventate che potrebbero risultare offensive per i cittadini.

palombabluff.PNG

La pagina che ha ottenuto ventidue follower e altrettanti MI PIACE, riporta  un errore nel cognome “Giovanni Palonba Sindaco” e sarebbe stata pubblicata quasi un mese fa con una foto in primo piano di Giovanni Palomba con tanto di fascia tricolore: dopo essere stata segnalata agli amministratori del social network sarebbe “sparita” dal web. Adesso è di nuovo in rete con l’identica intestazione, ma in primo piano c’è solo il tricolore e un’immagine del porto di Torre del Greco e l’ultimo post risale alla settimana scorsa.

palombabluff1

“Ho presentato denuncia alla Polizia di Stato già un mese fa”, dice il sindaco Palomba. “Saranno le autorità competenti a chiarire i retroscena e ad accertare l’identità dei responsabili. Le indagini sono in corso”.

Se gli inquirenti dovessero ipotizzare un furto di identità gli autori potrebbero incorrere in un vero e proprio reato, regolato dall’articolo 494 del codice penale.

 

Natale e nutrizione: come affrontare a tavola le festività senza perdere la forma. Qualche consiglio utile

Consigli utili per il lungo ponte festivo. Come affrontare a tavola il natale e mantenere una corretta nutrizione. Il parere dell’esperta

Leggi il resto di questo articolo »

In europa si muovono i giubbotti gialli FATE ATTENZIONE!!

potere dei media

Ogni forma di violenza attuata da’ al sistema il modo di intervenire, a mio parere e’ sbagliatissimo perche’ si da’ il fianco alle incursioni violente programmate e… la violenza genera sempre altra violenza, da cui non ne nasce mai nulla di buono.
Diverso e’ invece e’ una forma di protesta individuale, e’ solo il cambiamento individuale che puo’ cambiare questo iter,un cambiamento individuale che e’ correlato all’ informazione, informazioni che giornali e tv ci negano.
Scrivo questo perche’, per casualita’, ho visto scene in tv di giubbotti gialli, veri o no, che bloccavano le strade, bloccando di fatto persone ignare che invece di ‘’capire’’ la ribellione , ti combattono e ti maledicono anche…non si puo’ imporre a una persona di fare una rie_voluzione, nessuno accetterebbe se non la capisce.
Diverso invece’ sarebbe andaré a manifestare davanti ai comuni, chiedendo spiegazioni a chi ci lavora, questo si che metterebbe chi , contribuisce alle violenze legali di questo stato che nostro non e’, in difficolta’ e li costringerebbe a scegliere con chi stare… perche’ oramai e’ sempre piu’ chiaro che stiamo vivendo una truffa.. .per giunta legalizzata ma, come si puo’ fare a legalizzare una truffa ¿ basta avere i politici dalla propria parte ? probabile.
Queste mie considerazioni si basano su tutto quello che ho letto in questi anni, considerazioni che si basano su tutto quello che riguarda le rivoluzioni pilótate, ad iniziare da quella francese, all’ unione d’italia, alla rivoluzione russa, a tutte quelle árabe colorate…fino a finiré con i 5 stelle/lega e poco prima… con il popolo viola. Sempre qualcuno le ha cavalcate.
Sara’ anche per questo motivo che…quando scoppia qualcosa di popolare , istintivamente mi tiro da parte.
Tanta gente ha capito che e’ il sistema bancario quello che fa’ le leggi e tutti sappiamo che ad avere un conto bancario significa sostenere, volenti o nolenti, questo sistema ad incastro automáticamente e che in fondo, basterebbe la chiusura del conto corrente da parte della maggior parte della popolazione corrisponderebbe ad allontanare il ‘’mostro’’ che ci governa,
In 5 minuti e senza violenza verremmo pilotati in un mondo diverso dove le tue qualita’ devono venire fuori e’ una questione di sopravviveenza e…l’ uomo e’ l’ animale piu’ adattabile che ci sia, capace di trovare la soluzione a tutti i problemi.
Ma questo non si puo’ fare…
almeno non dall’ oggi al domani, farlo significherebbe mettere a rischio il futuro prossimo, cosa mangio ¿ di che cosa vivo ¿ come faccio a sostenere la mia famiglia ¿ Tutte domande sacrosante che pero’ servono solo a ‘’proteggere’’ un presente negativo perche’, esiste anche una contropartita da accettare per seguire il sistema e cioe’ devi accettare i vaccini obbligatori di cui quasi nessuno ne conosce il contenuto, deevi accettare una tv privata che trasmette propaganda invece che informazioni, una scuola bugiarda e limitata , una sanita’ che serve all’esatto contrario di cio’ che dice, di respirare bario,alluminio dalle scie, di nutrirsi con prodotti innaturali, di curarti obbligatoriamente con la chemio anche quando i risultati sono disastrosi…etc etc..come a decimarci, invece che proteggerci.

Io non lo so cosa sia meglio fare, so che aspettando il giro di boa, da dieci anni ormai ho una famiglia, ho un lavoro, cerco di districarmi nel mangiare, non entro mai in farmacia, non ci ammaliamo mai, non mando mia figlia a scuola, mi curo con le erbe naturali…e non ho un conto in banca !!
Non e’ impossibile quindi…magari, basta organizzarsi come se fosse una via di fuga…pacifica e sempre aspettando che la gente risvegliata sa di piu’, di quella che ancora dorme attaccata alla tv.
Nel frattempo, state lontani dai facinorosi…
la violenza non e‘ una rie voluzione, per me.

La bellezza come cura

“National Gallery” – London

La notizia è talmente bella da sembrare una fake.

È prescrivibile in ricetta medica, come forma terapeutica, la visita gratuita al museo. Perché sono ormai evidenti le prove scientifiche sul potere dell’arte come cura, non solo per la psiche ma anche per il fisico. Tra le opere d’arte aumenta il nostro benessere perché si alzano i livelli di cortisolo e serotonina.

Adesso la cattiva notizia. Per ora la visita museale nel prontuario medico è realtà solo canadese. Peccato. Perché la bellezza ci fa stare meglio, fino ad essere meglio.

E in questi tempi cupi e oscuri e violenti è auspicabile che qualche grammo di bellezza da somministrare come cura sia possibile anche nel vecchio continente.

Forse si abbasserebbe la possibilità di un’insensata sparatoria in un mercatino di Natale.

Dopo l’8 Dicembre. Butta male!

Dopo Ilva, Muos e Tap ora il governo sdogana il Terzo Valico. Sulla Torino-Lione il M5S si gioca definitivamente la sopravvivenza ma la Lega pensa alla crisi di governo per impedire una decisione favorevole al blocco. A conferma che il Tav è il nodo politico principale del cambiamento.

di Fabrizio Salmoni

Nessuno poteva pensare che la grande manifestazione No Tav di sabato 8 avrebbe chiuso la storia. Anzi, con il via libera al Terzo Valico le prospettive si fanno fosche insieme all’orizzonte del governo. Grande è lo sconcerto per il nuovo voltafaccia dopo Ilva, Muos e Tap quanto ridicole le motivazioni di Toninelli (ma a che serviva l’analisi costi/benefici se poi la decisione è incoerente?).

Il M5S si sta suicidando politicamente e viaggia verso la dissoluzione qualora le decisioni sulla Torino-Lione andassero nella stessa direzione.

Una vicenda, quella dei 5S,   che si nutre di una gestione fallimentare proprio sui punti qualificati del programma e prima ancora nel campo della trasparenza, valore fondante del Movimento: in tutti questi mesi i 5S si sono chiusi nelle loro stanze romane negandosi a chiunque chiedesse loro conto o notizie sull’andamento delle valutazioni. Anzi, imponendo d’autorità il silenzio, come ci raccontano alcuni consiglieri piemontesi. Brutti segni di timore, di insicurezza, di debolezza verso un partner di governo più debole di loro in partenza, ma che li sovrasta per irruenza, preparazione, prepotenza, comunicazione. Leggi il resto di questo articolo »