PRESIDENTE LA FRITTATA LA DEVE RIVOLTARE

PRESIDENTE LA FRITTATA LA DEVE RIVOLTARE

Prendo spunto dal discorso di Teresa Bellanova al Senato per ribadire un concetto importantissimo, espresso dalla senatrice con grande chiarezza:

“Affermare che prima dei vincoli vengono i cittadini equivale a mandare un messaggio pericolosissimo al paese perché i vincoli a tutela del territorio e dell’ambiente significano tutela ambientale e tutela dei cittadini. Anche quando vietano di edificare nelle zone fragili del nostro territorio ed escludono tassativamente che si possano costruire case o alberghi lungo i greti dei torrenti, a due passi dalle spiagge, sui terreni pluviali. Questo Conte dovrebbe saperlo sia come Presidente del Consiglio che come cultore del diritto. A meno che non voglia anteporre, anche dinanzi alle tragedie che scorrono sotto i nostri occhi, l’interesse elettorale di Governo e 5Stelle, all’interesse nazionale”

Presidente, la frittata la deve rivoltare. Mi meraviglio che un cultore del diritto come lei faccia questi svarioni.

Chi le ha dettato il compitino? Di Maio? Casalino?

Temo di sì, visto come si esprime.

Però i condoni non sono una bella cosa.

Nella sua lunga vita ormai, la più vecchia di tutti i partiti, la Lega ne ha già fatti tre. Due con Berlusconi e adesso un altro coi grillini. Ricordo che Salvini a Bruxelles ha votato contro tutti gli atti concreti in difesa del pianeta. Quello che diceva di stare in Europa per gli interessi degli italiani!

I vincoli? Pare che per loro siano superflui, impediscono di fare quello che si vuole, anche di una bella isola come Ishia.

Speriamo che non piova tanto su quella terra unica al m ondo.

Non vogliamo piangere ancora morti che si possono evitare. Sottolineo “possono” e non metto il condizionale.

I Commenti sono chiusi