Primo festival regionale di arte drammatica dedicato alla signora del teatro “Italia De Gennaro”

51151582_605184253237350_6349468986555498496_n.jpg

 

di Maria D’Urso

Il teatro nel sociale. Arriva il primo Festival Regionale di arte drammatica dedicato alla signora del teatro “Italia De Gennaro”, organizzato dalla compagnia “A. De Bartolomeo” e dall’ associazione artistico-culturale “I Delfini”. “Il teatro è sempre stato un mezzo di comunicazione efficiente – ha spiegato Anna De Bartolomeo, la fondatrice dell’omonima compagnia – per questo vogliamo utilizzarlo al meglio, per trasmettere il nostro pensiero”. Le tematiche che saranno portate in scena nel corso delle quattro serate del Festival, trattano di attualità a sfondo sociale, lungi dal solito teatro d’intrattenimento a cui si soliti assistere. “Non possiamo stare fermi, esprimere le nostre opinioni sui social, come ormai è d’uso comune. Noi vogliamo comunicare è agire, con i mezzi che abbiamo” ha dichiarato Anna De Bartolomeo.

Gli appuntamenti sono:
14 FEBBRAIO: Associazione Culturale e Teatrale “Grocà” (Castellana Grotte, BA) – GRIDO SILENZIOSO;
28 FEBBRAIO: Centro di Formazione Arti dello Spettacolo “Cuori con le ali” (Conversano, BA) – “TACCHI A SPILLO”;
14 MARZO: Compagnia Teatrale “Colpo di maschera” (Fasano, BR) – “A VIGEVANO SI SPACCA!”;
28 MARZO: Associazione Culturale Teatrale e di Volontariato “Teatro delle rane” (Leverano, LE) – “PICCOLI CRIMINI CONIUGALI”;
4 APRILE: Serata di premiazione con spettacolo gran galà “WOMAN WILL COMBACT!” (fuori concorso) donne che combattono nel mondo del lavoro

“Esiste un divario fra il teatro d’intrattenimento e quello sociale – ha affermato Anna De Bartolomeo, in conferenza stampa – che si crea con il pubblico. Sappiamo che preferisce divertirsi, ma dobbiamo dare la possibilità di far apprezzare anche il teatro d’attualità”.

L’omosessualità, il razzismo, la violenza sulle donne e minori, il bullismo, la Shoah, la religione e il lavoro sono i temi che saranno portati sul palcoscenico, da quattro compagnie provenienti da tre province pugliesi. “Grido silenzioso” sarà il primo spettacolo sarà portato in scena il giorno di San Valentino ed è strutturato in un unico atto di 60 min.

 “Finalmente a Taranto si presta più attenzione alle tematiche sociali – ha sottolineato Fabio Fornaro direttore artistico del festival –la sinergia fra la compagnia teatrale Anna De Bartolomeo e l’associazione I Delfini hanno reso possibile tutto ciò, e per questo ringraziamo il nostro caro amico Pasquale Strippoli.  Questo genere teatrale, è ancora poco noto nel Mezzogiorno  mentre al nord è seguito e soprattutto viene apprezzato, capito per i messaggi che vuole lanciare”.

Il nome del Festival è un chiaro omaggio alla nota regista Italia De Gennaro. Durante la conferenza stampa il presidente Pasquale Strippoli dell’associazione “i Delfini ha sottolineato che Italia De Gennaro rappresenta il teatro tarantino fatto di passione, anima, cuore e che “è stata il faro guida di tante associazioni amatoriali e di attori professionisti, per anni”.

Anche Anna De Bartolomeo l’ha ricordata con immenso affetto e gratitudine, ribadendo la sua storica importanza nella sua formazione artistica e culturale.

“Noi dobbiamo tutto alla professoressa Italia De Gennaro – ha spiegato Anna De Bartolomeo-  ha portato il vero modo di fare teatro a Taranto. Era una donna appassionata, rigida in alcune cose ma una persona che amava terribilmente quest’arte. Era doveroso onorare la sua attività nel teatro, con un Festival regionale “.

manifesto Grido silenzioso

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

51151582_605184253237350_6349468986555498496_n.jpg

I Commenti sono chiusi