ROMA. TOR DI VALLE, NUOVO STADIO E CORRUZIONE.

Stadio della Roma, arrestati Lanzalone, Palozzi e Parnasi

Stadio di Roma e corruzione,un connubio che ritorna spesso quando si parla di grandi opere.

luca-lanzalone

Il presidente di ACEA,Luca Lanzalone, figura tra gli arrestati nell’indagine di corruzione in relazione allo stadio di Roma aTor di Valle.

Luca Lanzalone, legale del soccorso grillino, era approdato ad ACEA dopo aver sbrogliato per conto del MoVimento 5 Stelle l’intricata matassa dello stadio di Roma a Tor di Valle.

Dall’inchiesta emerge che gli indagati avrebbero ricevuto, in cambio dei favori agli imprenditori, una serie di utilità, tra le quali anche l’assunzione di amici e parenti.

Arrestato e posto ai domiciliari il consigliere regionale del Lazio del PD, ex assessore all’Urbanistica, Michele Civita.

 l’imprenditore reatino,Gaetano Papalia,all’ANSA dichiara:  “Sono vittima di questa vicenda”,riferendosi alla vicenda dello stadio di Roma. 

Gaetano Papalia, insieme al fratello Umberto, era il proprietario dei terreni di Tor di Valle dove, secondo i progetto, dovrebbe sorgere lo stadio della Roma

Nell’indagine sono finiti nomi eccellenti della politica:

Luca Lanzalone

Luca Lanzalone, 48 anni,titolare di uno studio professionale in centro a Genova, non è un esordiente.

Genova e Crema hanno gestito le fusioni e la razionalizzazione delle proprie partecipate.

A Livorno, con Filippo Nogarin, si è occupato della municipalizzata dei rifiuti Aamps.

Nella trattativa per lo Stadio rispose: «Eminenza grigia? Io? Non conosco Grillo, nemmeno Casaleggio, sono un tecnico e ho lavorato con amministrazioni di tutti i colori. Ai consiglieri del Pd sarebbe bastato chiamare Genova».

Ma ad affidare a Lanzalone il dossier stadio è stata un’idea della sindaca Raggi:  “Prova con l’avvocato Luca Lanzalone” le consigliò il sindaco di Livorno Nogarin.  Consiglio accolto dalla Raggi.

Una consulenza a 360 gradi, anche su atti che non riguardano Tor di Valle, ma senza alcun contratto: “Siamo vicini a definire i confini del lavoro richiesto dal Campidoglio e presto il mio studio scriverà una mail ribadendo la nostra disponibilità e con un preventivo. A Roma non avevo mai lavorato prima”,spiega il legale.

La palla passa al Comune: “Se non si dovesse formalizzare la consulenza? La mia resterà un’attività gratuita. Se si troverà un accordo, lo troverete nella sezione trasparenza del sito di Roma Capitale”.

Lanzalone va ai domiciliari.

Parnasi e Palozzi

Luca Parnasi è il proprietario della società Eurnova che affianca la As Roma nel progetto di realizzazione del nuovo stadio.

Il taglio delle cubature private del 50% rispetto al progetto originario e del 60% per il business park, pur avendo intavolato una trattativa per una proposta della Roma e dello stesso costruttore che prevedeva una riduzione delle volumetrie intorno al 35%, che riguardava e riguarda i suoi terreni e le sue proprietà, non era sicuramente  tra i più entusiasti per l’alternativa nata a seguito della trattativa seguita al progetto originario.

Adriano Palozzi   in consiglio regionale si è molto battuto per la vicenda dello stadio della Roma utilizzando i suoi video sfottò nei confronti della sindaca Raggi.

Il vicepresidente della Commissione Urbanistica della Regione Lazio,maggio 2017, si era schierato contro la Raggi per i ritardi nella realizzazione del progetto: “Dopo mesi e mesi di tira e molla tra Regione Lazio e Comune di Roma, è necessario che la sindaca Raggi lasci alle spalle i facili trionfalismi, ascolti seriamente il monito del presidente americano e comprenda che dopo il ‘no’ grillino al primo progetto di stadio adesso non si può perdere ulteriore tempo, procedendo spediti verso la costruzione dell’impianto”.

L’Acea non commenta la notizia dell’arresto del presidente, l’avvocato Luca Alfredo Lanzalone avvenuta stamani per l’inchiesta sullo stadio della Roma, corruzione e reati contro la pubblica amministrazione.

 

I Commenti sono chiusi