Rubati i giocattoli destinati ai bambini poveri e distribuiti dal comitato di quartiere “Rinascita” a Torre del Greco.

iniziativa Torre del grecoRubati i giocattoli destinati ai bambini poveri e distribuiti per il Natale della solidarietà dal comitato di quartiere “Rinascita”, a Torre del Greco. L’iniziativa patrocinata dal Comune e dall’assessore alla Cultura Anna Pizzo, si è tenuta questa mattina in città: a denunciare il furto è stato il consigliere regionale dei Verdi, Francesco Emilio Borrelli che in un comunicato stampa parla di “atto vergognoso che compromette l’iniziativa lodevole a sostegno delle famiglie in difficoltà”.

“A Torre del Greco”, spiega Francesco Emilio Borrelli, “il comitato di quartiere Rinascita si è reso protagonista di una lodevole iniziativa attraverso la quale  è riuscito a distribuire centinaia di giocattoli ai bambini delle famiglie più disagiate della città. Spiace che alcuni delinquenti abbiano cercato di rovinare l’evento rubando una parte dei doni destinati  ai bambini che vivono in famiglie con difficoltà economiche. Gli autori di questo gesto vergognoso non sono, però, riusciti a rovinare una manifestazione concreta di solidarietà alle famiglie del comune vesuviano, specie quelle che attraversano un momento di grande difficoltà economica, che testimonia quanto sia importante l’impegno civico per migliorare la qualità della vita di un’intera comunità”.

“Abbiamo distribuito oltre 600 doni anche a bambini bisognosi stranieri residenti sul territorio”, aggiunge il presidente del comitato Rinascita, Aniello D’Aniello. “Oltre all’entusiasmo, alla nostra manifestazione c’è stata tanta affluenza. Siamo soddisfatti e pronti a proseguire su questa strada a sostegno delle fasce sociali più deboli e dei nuclei familiari che con grande forza e dignità provvedono a sostenere la crescita e la formazione di un figlio disabile. Tutti i bambini hanno il diritto di vivere lo spirito natalizio e noi proveremo senza risparmio di energie a raggiungere questo obiettivo nella nostra città”.

I Commenti sono chiusi