Salvi i bambini tailandesi. Come è stato possibile?

Alle 13:37 le tv locali thailandesi e i social internazionali hanno riferito, dopo un annuncio del coordinatore delle operazioni di soccorso Narongsak Osatanakorn, che tutti i ragazzi e il loro allenatore intrappolati nella grotta di Tham Luang da 17 giorni sono stati messi in salvo.
L’operazione di salvataggio è stata possibile grazie ad un enorme aiuto da parte della comunità internazionale dei soccorittori e sommozzatori che si sono recati in Thailandia.

thailandia-bambini-grotta.jpg

  • Le operazioni
    I baby-calciatori si trovavano su una lingua di terra ripida che era fortunatamente rimasta sull’asciutto e che si trovava a 3 kilometri di distanza dall’entrata della grotta e a ben 800 metri di profondità. download-4.jpgOgni bambino è stato accompagnato da una squadra di due sub esperti, che lo hanno accompagnato per tutto il percorso nel buio totale, a volte anche per molte ore. Il primo ministro thailandese Prayuth Chan-ocha ha anche affermato che ai ragazzi sono stati somministrati medicinali per ridurre l’ansia, che erano però di bassa potenza.
    1390286337-43968-o.jpg
  • Il post-incubo
    La squadra di giovani calciatori era divenuta un vero e proprio argomenti virale dei social, sia per la gravità della situazione è sia perché, per sostegno, sono comparse moltissimi disegni ritraenti cinghiali che venivano portati fuori dalla grotta, proprio perché, in Italiano, la squadra era chiamata con il nome di questo animale. Inoltre, fortunatamente, i bambini potranno vedere la finale dei mondiali, dopo l’autorizzazione dei medici ad un eventuale viaggio a Mosca, dove il presidente della Fifa li aveva invitati.

I Commenti sono chiusi