SERGIO PIZZOLANTE “PRONTO A RICANDIDARMI”

Sergio Pizzolante e’ pronto a ricandidarsi in vista delle elezioni politiche del 4 marzo per “far vincere il centrosinistra e costruire un argine al populismo”. I “molti dubbi” che lo hanno attanagliato fin qua, spiega questa mattina incontrando a Rimini la stampa per fare un bilancio dei suoi cinque anni di attivita’ parlamentare, si sono del tutto dissolti: “Ho deciso al 100%, ci sto, sono disponibile”. Per cui “se matureranno gli accordi bene, altrimenti sono comunque sereno”. Di certo, la scelta non pare essere stata facile: “Soffro molto il populismo e l’aggressione volgare al Parlamento in atto, un luogo cosi’ screditato, non lo sopporto”. Cosi’ come la condizione della politica, abbassatasi a “insulto, menzogna. E’ insopportabile”. Ma riflettendo Pizzolante ha capito che rimanerne fuori non cambia le cose, per cui si mette “a disposizione della coalizione a livello nazionale e regionale. Se sono utile ci sono”. Da un lato dando il suo “contributo” alla lista proporzionale dell’ex ministro Beatrice Lorenzin, dall’altro puntando a giocarsela nel collegio di Rimini o Rimini-Cesena, con ogni probabilita’ in tandem con Tiziano Arlotti del Partito democratico tra Camera e Senato. E’ in corso un lavoro a livello nazionale, argomenta, e se ora “Rimini conta di piu’ a Roma, avra’ un peso anche su queste decisioni”. Comunque, ribadisce, “resto sereno, la partita piu’ difficile l’ho vinta con me stesso”. Superando per esempio la “botta” dell’emendamento sui maxi canoni non accolto. Perche’, e’ convinto Pizzolante, serve “un’alleanza che faccia da argine al populismo”. Il populismo del Movimento 5 Stelle, ma anche della coalizione di Silvio Berlusconi, conclude, per la presenza della Lega Nord di Matteo Salvini. (Dire)

I Commenti sono chiusi