SIMONE BILLI (LEGA) “CASA ITALIA A ZURIGO ASSET FONDAMENTALE PER LA NOSTRA COMUNITA”

Comunicato-stampa dell’On. Simone Billi (Lega)

“Come vi avevo promesso, continuo a monitorare la situazione della Casa d’Italia di Zurigo e a tenervi aggiornati” dichiara l’on.Simone Billi, unico eletto nella coalizione di Centro Destra Salvini-Berlusconi-Meloni per la Lega Salvini Premier in Europa “Nei giorni scorsi ho avuto il piacere di incontrare il Console Generale di Zurigo, Min. Plenipotenziario, Giulio Alaimo, che mi ha aggiornato sulla Casa d’Italia e gli sviluppi dei prossimi mesi.” “Il Console ha confermato ancora una volta che la chiusura della Casa d’Italia si è resa necessaria per via delle verifiche strutturali ed i carotaggi che non potevano essere fatti con gli alunni sui banchi di scuola” spiega l’on.Billi “Ad oggi lo studio di fattibilità è completato ed è stato trasmesso a Roma per apportare le modifiche necessarie a renderlo idoneo all’uso come consolato. I passi successivi sono: 1) il cambio d’uso dell’edificio a “consolato” da parte del comune di Zurigo; 2) indizione della gara d’appalto europea; 3) approvazione del progetto vincitore e inizio lavori.” “A Roma continuano a indicare il 2021 come termine dei lavori e riapertura della Casa d’Italia con l’asilo, la scuola elementare statale e la scuola media. La scuola media potrebbe essere privata paritaria oppure meglio statale”  precisa Billi “Per quanto riguarda il liceo, potrebbe rimanere dove è oggi ed essere gestito dall’ENAIP. Mi pare però che ci sia più incertezza per quanto riguarda le sorti del liceo.” “In definitiva, auspico che queste “nuove” scuole italiane possano essere frequentate non solo da italiani ma anche da svizzeri, a testimonianza della loro qualità e per promuovere ancora meglio la cultura e la conoscenza italiana, come per esempio succede al liceo Dante a San Paolo in Brasile frequentato da alunni sia Italiani sia brasiliani” conclude Billi “Continuerò a monitorare affinchè questo progetto venga realizzato nei tempi e nei modi previsti nell’interesse della comunità italiana.”

I Commenti sono chiusi