Una bufala (al vino) a fin di bene

 Miracle Machine, acqua, vino, wine, water, Wine to Water, bufala, web, tech, news

Una bufala (al vino) a fin di bene

Avviso a tutti gli amanti del vino: la notizia relativa alla “Miracle Machine“ è una bufala…alcolica ma pur sempre bufala.
Per molti è sembrato che si stesse per avverare un sogno. La “Macchina del Miracolo” avrebbe trasformato l’acqua – attraverso un concentrato di uva e lievito – in vino direttamente a casa propria in appena tre giorni. Chissà quanti hanno per un momento immaginato di diventare produttori di vino senza avere tutto il fastidio di dover coltivare le viti, raccogliere l’uva, spremerla e far invecchiare il prodotto per anni nelle botti. Un vero sogno, unico inconveniente: la Macchina del Miracolo semplicemente non esiste, è una bufala.

Tuttavia, la Miracle Machine pare essere una bufala detta a fin di bene. Dietro a tutta la vicenda c’è la Wine to Water, un’organizzazione no-profit che si occupa della fornitura di acqua potabile alle popolazioni bisognose di tutto il mondo. Da quanto si apprende dai media internazionali, la Wine to Water ha organizzato tutto questo per sensibilizzare l’opinione pubblica, attirando l’attenzione sul problema della mancanza di acqua potabile che colpisce ancora vaste aree del mondo. La Wine to Water ha fatto sapere che aprirà centinaia di punti vendita in tutto il mondo dove venderà bottiglie di vino – stavolta vero – di cinque tipi diversi con il ricavato che verrà devoluto in beneficenza.

Ad oggi la trasformazione dell’acqua in vino è riuscita soltanto ad uno, un paio di millenni fa, in quel di Cana.

I Commenti sono chiusi